Incredibile la solidarietà verso medici ed infermieri del San Martino

Leave a comment

Gesti di solidarietà verso medici ed infermieri dell’Ospedale San Martino di Genova.
Si preannuncia un’altra giornata drammatica per quanto concerne i morti a Genova dettati come concause del COVID19:

  • Ad ora sono 36 i ricoverati in Malattie Infettive, 33 in Rianimazione, 28 al Padiglione 10, 14 al Padiglione 12, ufficialmente convertito alla gestione di pazienti positivi al Covid-19. Valutazioni preventive in corso su altri padiglioni. Nessun decesso riscontrato fino ad ora.
  • Lodevole iniziativa della Gexi – Genova Taxi, che ha iniziato a offrire gratuitamente il trasporto taxi agli operatori della Rianimazione, a fine turno.
  • Per quanto concerne le continue e francamente incredibili donazioni di materiali e prodotti alimentari dall’esterno, ricordiamo essere consegnati nei reparti da un team di giovani volontari attraverso un’efficiente quanto per niente scontata catena di montaggio (gestiscono Francesco Montanella e Alessandro Orlando). Alle centinaia di monoporzioni di Eataly, si sono uniti i prodotti di: Noberasco, Biscottificio Grondona, Salotto di Dolcezza e ultimo in ordine di tempo Mercato della Frutta di Genova-Bolzaneto. Le loro donazioni vengono destinate a 300 medici, infermieri e oss sul campo al giorno (allego due immagini del tema).
  • Arrivato al Pronto Soccorso intanto il primo ecografo da quando si è attivata l’emergenza, donato direttamente al dottor Paolo Barbera dall’imprenditore genovese Filippo Ceppellini, via Esaote. Alle donazioni si sommano anche 25.000€ dell’associazione Occupy Albaro. Sempre inerente al tema donazioni, come da comunicato precedente, l’Ospedale ha attivato una campagna di fundraising per garantire massima trasparenza ai cittadini, a fronte delle tante richieste post donazioni per la tracciabilità del denaro devoluto.

Facebook Comments

Scrivi una nota