Il nuovo bollettino del San Martino di Genova

Condividi
Gli infermieri del San Martino di Genova: sono loro gli eroi di queste settimane

Puntuale, arriva anche oggi pomeriggio il bollettino dall’ospedale San Martino di Genova:

  • Ad ora sono 35 (2 sono stati appoggiati sulla nave) i ricoverati in Malattie Infettive, 43 nelle 3 rianimazioni del Policlinico + 5 pazienti in sub intensiva, 30 al Padiglione 10, 81 al Padiglione 12, 25 al 5° piano della palazzina laboratori, 41 quelli al piano terra e al 1° piano del Pronto Soccorso; confermati i due percorsi separati al Pronto Soccorso, uno per pazienti Covid e uno per pazienti con altre patologie. Al fine di evitare la permanenza di pazienti in Covid in aree considerate a rischio, dopo la visita seguita al tradizionale triage, i pazienti vengono trasferiti direttamente nei reparti attinenti all’eventuale patologia riscontrata.
  • L’esperienza dei medici e degli infermieri operativi presso il 5° piano del padiglione Maragliano (Neuro-riabilitazione del prof. Trompetto) nella gestione di pazienti anziani con plurime patologie, ha spinto la Direzione Sanitaria a destinare i degenti dell’area in altri locali del medesimo padiglione e dunque a spostare i professionisti operativi in esso presso il 5° piano dei nuovi laboratori – oggi Covid – a sostegno dei colleghi sul campo.
  • Su 317 tamponi effettuati dalla Medicina del Lavoro diretta dal dottor Copello su medici, infermieri e operatori socio sanitari in struttura ad ora, con alcuni referti in attesa, sono risultati positivi in appena 17.
  • Il repentino abbassamento delle temperature, ha spinto la Direzione a contattare la Protezione Civile, che sta provvedendo a consegnare coperte termiche e termosifoni a olio per riscaldare l’area della tenda Covid (in massima sicurezza), all’esterno del Pronto Soccorso.
  • E’ in consegna un ventilatore polmonare che il Coordinamento Nazionale Cacciatrici Federcaccia ha donato all’Ospedale. L’acquisto dell’apparecchiatura e dei numerosi accessori che la completano – per il valore di circa 12.000€ –  è stata resa possibile grazie a una raccolta fondi pubblicata sui social
Condividi

Facebook Comments

Note non trascrivibili.